Un augurio elettrizzante

Riprendiamo da un comunicato stampa di
 
AEDfemminismo Associazione Educazione Demografica
Pass. Canonici Lateranensi, 22 –
24121  BERGAMO
Tel. 035-244337  Fax 035-235660

aedfemminismo@antipredazione.org

www.aed-femminismo.com


UN AUGURIO ELETTRIZZANTE A TUTTE LE DONNE
Siamo pronte per la terapia dell’anti-emotività?
Come rendere una donna più fredda e calcolatrice



Ricercatori italiani hanno “dimostrato” (bontà loro) che gli uomini sono
stabilmente e tendenzialmente “criminali”, mentre le donne lo possono diventare
manipolandole con una debole scarica elettrica.

Un
gruppo di ricercatori della Fondazione Ca’ Granda-Policlinico di Milano,
dell’Ospedale S. Raffaele di Milano e dell’Università di Padova (Corriere della
Sera del 23/01/2010) hanno posto delle domande a 38 uomini e 40 donne con un’età
media di 24 anni. Eccone una:

«
Immaginate
di essere un medico e di avere di fronte tre pazienti che hanno bisogno di un
trapianto d’organo. Potreste salvarli tutti e tre a patto di uccidere una
persona sana e di prelevarne gli organi. Che cosa fareste?”. Le risposte sono
state diverse, a seconda del genere. "Gli uomini", spiega Manuela Fumagalli del
Centro clinico per le neuronanotecnologie e la neurostimolazione della
Fondazione Policlinico Ca’ Granda…
"tendenzialmente rispondono in
maniera più razionale, cioè scelgono di sacrificare una persona per salvarne
tre. Le donne, invece sono più emotive: non se la sentono di uccidere una
persona sana, nemmeno per farne vivere tre”
»
.


L’articolo continua dicendo che facendo passare
una
“debole corrente elettrica attraverso la zona prefrontale del
cervello”
, posta la stessa domanda, le
donne modificano la loro risposta diventando più ciniche e calcolatrici, mentre
non si ha nessun effetto su quella maschile.

La cosa interessante
è la prevalente risposta maschile. Quella risposta che viene considerata dai
ricercatori come più logica è REATO nel nostro ordinamento attuale. Non puoi
uccidere una persona sana per prenderne gli organi e usarli per altre persone.
Praticamente se ne può dedurre che, date le lunghe liste d’attesa, i
traumatizzati cranici che potrebbero essere curati e quindi salvati, potrebbero
essere uccisi con l’espianto per procurarsi organi. Questa è la decisione più
razionale secondo i criteri sopra esposti.

Alla luce di questa razionalità, ci chiediamo:
– Le donne emancipate, che vogliono far carriera, dovranno sottoporsi al
“perfezionamento” del loro cervello per renderlo più razionale e adatto al
sistema criminale che è alla base di questa società?
– Le donne impiegate nell’espianto-trapianto sono state già sottoposte alla
scarica elettrica per reggere l’orrore dell’espianto a cuore battente?
– Gli approcci terapeutici di “manipolazione mentale” ventilati su questa
tecnica saranno praticati da medici donne, per evitare denunce di sessismo?
– Si presteranno le donne al nuovo abuso di questa società maschilista?

DIFENDIAMO LA
MAGGIORE COMPLESSITÀ DELL’INTELLIGENZA FEMMINILE.


Le Donne
dell’AEDfemminismo

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.