Archive for the ‘Stalking’ Category

Notizie a lunga conservazione

domenica, novembre 30th, 2014

violsess111e ad alto rendimento. Se c’è una cosa che ci fa incazzare dopo la violenza contro le donne, è la sua strumentalizzazione.

C’è il Messaggero Veneto che dal 26 novembre, giorno x della notizia; di una donna segregata in casa, maltrattata e picchiata dal marito in quel di S. Daniele, non fa passare giorno senza un articolo nel merito, una locandina di amplificazione, un video di illustrazione, un commento e via discorrendo.

Perchè il reo è un marocchino. Fosse stato un friulano, ne siamo certe, non ci sarebbe stato tutto questo accanimento visivo e discorsivo.

(altro…)

C’è del marcio in Danimarca,

mercoledì, marzo 5th, 2014

violsess103ma anche in Finlandia e Svezia, e poi in giù, in tutti i paesi dell’unione europea dove si arreca violenza alle donne.
Sono i risultati di un’indagine svolta dall’Agenzia europea per i diritti fondamentali. In alto, come peggiori i paesi nordici, poi, via via, tutti gli altri; Italia, dicono, al diciottesimo posto.
Il calcolo è fatto su domande dirette a 42.000 donne; non sulla base di denunce o rilevanze di cronaca.
Perciò questo è… ma se abbiamo la sensazione di essere messe così male qui; che cosa succede in Danimarca e su di là?

DL Femminicidio: che stupro, ragazze!

venerdì, ottobre 11th, 2013

femminicidio71Sembra incredibile, ma se si può trasformare il male in peggio, in questo paese c’è sempre qualcuno che ci riesce alla perfezione.
Alla fine del percorso legislativo accelerato, siamo qui a chiederci se nelle “Disposizioni urgenti in materia di sicurezza e per il contrasto della violenza di genere, nonché in tema di protezione civile e di commissariamento delle provincie”  sia stato più importante gabulare sulle provincie per nicchiare sul commissariamento puntando  al loro mantenimento, o sulle erogazioni alla Protezione civile per le emergenze, oppure se l’interesse reale fosse stato quello incorporato nell’art 7 ovvero le “disposizioni in materia di arresto in flagranza in occasione di manifestazioni sportive e per il contrasto alle rapine, nonchè in materia di concorso delle Forze armate nel controllo del territorio”.
(altro…)

Bracciali & manette

venerdì, maggio 10th, 2013

femminicidio62Dunque, c’è Bongiorno che vorrebbe mettere in carcere subito tutti gli stalker, Angelino che vorrebbe si procedesse e magari incarcerasse anche senza denuncia e c’è Cancellieri che dovrà pensare ad amnistiare per svuotare le carceri che altri con leggi grottesche hanno riempito.
In friulano: dùt un gjave e met.
In un sistema geneticamente sclerato che ruotando intorno al carcere, cioè agendo sempre a valle con la modulazione del dispositivo della pena, non potrà mai risolvere alcunchè se non peggiorare le cose.
Soprattutto se parliamo di violenza contro le donne. Se si riconosce che in Italia è una questione strutturale, proviamo ad andare alle fondamenta della struttura; incominciamo a demolire quelle, e già che ci siamo, contestiamo anche il carcere.
Domani saremo qui.

E il braccialetto dove lo metto, dove lo metto?

giovedì, maggio 9th, 2013

femminicidio61Che potrà fare Idem a proposito di violenza contro le donne nel governo Letta nato per eliminare Grillo e grillin* e soprattutto per togliere dagli impicci Berlusconi?
Abbiamo la brutta e non nuova impressione che ancora una volta le donne siano il paravento utile a mascherare contrattazioni e inciuci, e che il  tocco di nuova presunta sensibilità sia platealmente strumentale.
Thò, neanche finito di concepire il pensiero che arriva l’ex delfino di Berlusconi a garantire che non esiste un limite di spesa che possa fermare un governo che voglia difendere le donne dalle aggressioni violente”. .. Evviva; si vede che per gli altri governi potevano pure andare al massacro….; comunque poi c’è anche quella della Cancellieri con i suoi bracciali da riciclare. La vicenda ce la ricorda Simona Lanzoni dell’associazione Pangea in un commento per gran parte condivisibile. Ah, e poi all’orizzonte si profila il mostro il procedimento d’ufficio,  dove si presuppone che la vittima sia incapace di intendere volere e decidere; alla faccia della nuova sensibilità.

 

Idem con task force

domenica, maggio 5th, 2013

 femminicidio60In questi giorni sono accadute molte cose che sarebbero state meritevoli di commento: donne uccise, ministre attaccate da frasi sessiste e razziste, attribuzioni e negazioni di deleghe politiche, richieste e negazioni di leggi restrittive e censorie…. insomma, nell’arco di qualche giorno, oltre alla tragedia di tre donne uccise in poche ore, abbiamo assistito ai “lavori politici” intorno a questa e ad altre “questioni” come alla lavorazione di una plastilina che sotto i nostri occhi ha assunto diverse forme, una specie di morphing nel tentativo di configurare una fisionomia che si adatti per quanto possibile a questo governo PD + / – L.

Ai femmincidi, cui va aggiunto forse il family mass murder di Sannicandro di Bari, ci aggiungiamo -per la cronaca e per l’analisi del “fenomeno”- (perchè non compreso nella rassegna nazionale), anche un altro femminicida tutto friulano originario di Latisana, reoconfesso per aver strangolato la sua compagna uruguaiana a Montevideo.

(altro…)

Il concussore dell’ufficio immigrazione

mercoledì, marzo 14th, 2012

Se cerchiamo concussori, per prima cosa dobbiamo guardare nei pubblici uffici, poiché, dice il vocabolario: concussione è “abuso di un pubblico ufficiale dalla sua posizione per costringere o indurre taluno a dare o promettere a sé o ad altri denaro o altra utilità”.
Nel paese di tangentopoli, i concussori operano ognuno nel suo settore; il politico verso l’imprenditore…, , il pubblico ispettore verso l’ispezionato,  il funzionario x per il richiedente la pratica y e così via in una catena infinita di ri-scuotimenti e rispettive dazioni.
Sicchè che pensa di fare il poliziotto dell’ufficio immigrazione, dall’altro del suo potere di ricatto sulla concessione dei permessi di soggiorno? Dalle donne pretende in cambio sesso.
L’hanno definita “concussione sessuale”.
Una definizione striminzita per un delitto odioso che va ben al di là della ormai “normale” tangente o bustarella o favore; un delitto che ha più a che fare con lo stupro, cioè con il pretendere sesso da una persona violandone la volontà, con il ricatto. Ed il ricatto è violenza ed il sesso estorto, per quanto ne pensiamo, è stupro.

Lo sclerato dell’otto

domenica, marzo 11th, 2012

8 marzo 2012 – Udine. Eccone un altro. “Mimose “spedite” per posta e il marito geloso la aggredisce Quando ha visto un mazzo di mimose in bella mostra nella sua buca delle lettere ha letteralmente perso la testa e si è scagliato contro la moglie” e le ha lanciato addosso tutto quello che le sue mani sono state in grado di trovare.
Vogliamo fare una domanda? Cosa fa uno così se la moglie decide di denunciarlo?
Vogliamo farne un’altra? Cosa fa uno così se la moglie lo volesse lasciare?
Vogliamo esprimere una curiosità? Ma la mami che lo calma, quali argomentazioni avrà usato? Difesa e sostegno per lei? Appoggio e rassicurazione per lui?
Domande, speculazioni e proiezioni; come quelle degli exit poll che valutando l’andamento delle violenze domestiche prevedono i risultati reali. Poi la realtà può sempre smentire. In meglio o in peggio.

Hey Baby è arrivata l’ora di rispondere per le rime!

giovedì, luglio 22nd, 2010

In questi giorni in cui le donne vengono ammazzate con le balestre in Friuli, esce un nuovo gioco, si chiama Hey baby e la protagonista si difende e punisce i molestatori senza pieta’ (se ne spreca gia’ troppa di pietas per i preti pedofili, pieta’ per assassini serial killer [come quelli che ammazzano con le balestre per l’appunto] e stupratori da parte di tutti i giornali per giustificare il povero maschio giù di nervi di turno…). (altro…)

75 a 25! La triste vittoria delle donne

lunedì, febbraio 22nd, 2010

"Stalking, a un anno dalla legge le richieste d’aiuto sono cresciute del 25%"
I dati dell’Osservatorio nazionale: un quarto delle vittime sono uomini
" (Corriere della Sera

Ma molti guarderanno a quel 25% di uomini vittime sottolineato nel sottotitolo.

(altro…)