W Kurdistan

luglio 4th, 2016 by dumbles

iniziative39E W le donne kurde per le quali non c’è rivoluzione se non è, per prima cosa, rivoluzione delle donne.

Un grazie a Norma e ad Alessia per l’interessante, attento e partecipato dialogo che hanno reso possibile.

Jin, Jîyan, Azadî! Sempre ed ovunque.

Kurdistan – la rivoluzione delle donne

luglio 1st, 2016 by dumbles

iniziative37

Anche quest’anno, fra poco, da venerdì 1 a domenica 3 luglio, ci troviamo nella festa Tepee tal parco; il contesto giusto per continuare a discutere seguendo quel lungo filo che ci porta a ragione intorno ai popoli in lotta per la propria libertà.

Dicono le donne curde in lotta che la parola libertà (amargi, sumero per libertà nel senso di ritorno alla madre), nelle lingue precedenti al sumero non esisteva “perchè non ne esisteva il concetto, e non ne esisteva il concetto perchè non ne esisteva il bisogno. Il bisogno di immaginare una situazione libera inizia con i sumeri e con lo stato, quando le persone sono oppresse.” (*)

Molto è racchiuso in questa frase. Di certo è un punto di partenza per immaginare -e praticare- una nuova visione -azione- del/sul mondo.

Per loro è la Jneologia, come sistema di conoscenza del mondo attraverso la storia e la sensibilità delle donne, come critica al pensiero scientifico positivista neocoloniale, eurocentrico e androcentrico sul quale si è strutturato buona parte del pensiero del XX e XXI secolo. Read the rest of this entry »

Tepee tal parco

giugno 29th, 2016 by dumbles

S.Giorgio di Nogaro, 1, 2 e 3 luglio.

Noi partecipativi

giugno 19th, 2016 by dumbles

NoTav8No, non parliamo male dell’Egitto, perchè per certi aspetti, -i peggiori-, gli si assomiglia molto.

Succede che Roberta Chiroli, da laureanda in antropologia alla Cà Foscari di Venezia raccoglie il materiale in Val Susa nel movimento No Tav poiché ha deciso di fare una tesi dal titolo: “Ora e sempre No Tav: identità e pratiche del movimento valsusino contro l’alta velocità”.

Read the rest of this entry »

Integra e disintegra

giugno 15th, 2016 by dumbles

ecofemminismo21Daniel Samba di cui leggiamo qui, ha trovato la sua strada per l’integrazione ovvero per essere accettato come membro della società friulana.

E’ stato bravo, ha imparato la lingua che parla perfettamente, perfino in certe varianti locali, ha imparato i proverbi e i modi di dire così da rispondere alle battute che spesso si fanno nel cazzeggio comune. Daniel Samba ha scelto una strada, gli ha portato bene e naturalmente può praticarla quanto vuole.

E’ una modalità che però a noi mette una certa tristezza, non tanto per lui, quanto per tutt* noi perchè è come se l’accettazione passasse attraverso il riconoscimento dell’altr* solo quando quest* tenta di assumere le tue caratteristiche, e pure quelle ataviche peggiori. Read the rest of this entry »

Centouno anni dopo

giugno 2nd, 2016 by dumbles

noisiamoqui380Ci sono voluti cento anni più uno alla Germania per riconoscere il genocidio armeno da parte dell’allora impero ottomano. All’Italia, se pur con le solite sottili ipocrise, ce ne sono voluti solo ottantacinque.

In ogni caso la Turchia insiste con l’errore storico.

Ci è venuto in mente l’album del 2003 di Diamanda Galas Defixiones Will and Testament e i racconti riportati in questo post.

Per Sara, per noi

giugno 1st, 2016 by dumbles

femminicidio84Sara muore bruciata viva dall’ex fidanzato che non accettava il suo No perchè l’unica volontà ammessa era la sua, di lui. L’alta essendo riconosciuta solo in funzione dei propri desideri.

Molt* hanno scritto e detto che è morta anche per l’indifferenza de* passanti.

Anche questo può essere, in un paese in cui di femminicidio, molestie, stalking.. se ne è fatto un gran parlare quando e solo quando si è preso atto di un bollettino di guerra quotidiano soprattutto per una questione di visibilità politica e con i risultati strumentali che abbiamo sempre denunciato.

Sicchè tutto questo gran parlarne pubblicamente, politicamente, mediaticamente che cosa ha generato nella realtà quotidiana? Read the rest of this entry »

Una bella riflessione

maggio 25th, 2016 by dumbles

noisiamoqui379Una riflessione sulla solidarietà, soprattutto; sul chi, come e perchè e quindi anche su tutt* noi che guardiamo ad altr* dal nostro punto di vista.

Uno scritto di Dilar Dirik che riprendiamo da Da Kobane a noi che l’ha ripreso da Retekurdistan. Buona lettura

Sfidare il privilegio: solidarietà e autoriflessione (di Dilar Dirik)

Sfidare il privilegio: solidarietà e autoriflessione
(8 maggio 2016)La solidarietà non è carità a senso unico praticata da attivisti privilegiati, ma un processo multidimensionale che contribuisce all’emancipazione di tutti i soggetti coinvolti. L’autrice desidera ringraziare gli attivisti internazionalisti in Rojava, gli attivisti Kashmiri e Tamil, gli anarchici greci e in particolare Hawzhin Azeez per le loro reazioni, senza le quali l’articolo non sarebbe stato valido che a metà. Read the rest of this entry »

Preghiera

maggio 22nd, 2016 by dumbles

integralismi46

Sì, preghiamo, per la capacità di rendersi antipatici di preti & Co., come quel tal porporato di S.Benedetto del Tronto secondo il quale è giusto discriminare i gay a causa del calo demografico.

Demenziale a tutto tondo.

A proposito di calo demografico, invece, prima di dover sentire le insopportabili bestemmie di qualche vescovo e prima di diventare soggetto passivo dei demografi decisori, cerchiamo di ragionarci sopra. Sarà sempre più necessario.

Qui un approccio da valutare.

Biodiversità: la grande bellezza

maggio 15th, 2016 by dumbles

ecofemminismo20

Sull’ultimo numero di “Germinal – giornale anarchico e libertario di Trieste, Friuli, Veneto e …” c’era un nostro scritto intorno alla biodiversità.

Lo riproponiamo qui di seguito con un parzialissimo, breve (e triste) aggiornamento:

la scomparsa di cinque atolli corallini presso le Isole Salomone; sommerse ed irrimediabilmente perdute per l’innalzamento del mare dovuto al riscaldamento globale.

Il termine “biodiversità” ha si e no trent’anni, ma già da cinquanta, è iniziata la distruzione di ciò che il termine rappresenta.

Con l’attacco agli ecosistemi e quindi l’impoverimento del paesaggio è iniziata la perdita di biodiversità per sottrazione della base sulla quale questa si sviluppa; come un liquido al quale viene meno il proprio contenitore. Read the rest of this entry »

Se Report non riporta

maggio 13th, 2016 by dumbles

noisiamoqui378e soprattutto non riporta giusto ciò che succede a* profugh*, non fa informazione ma, come ormai la maggior parte dei mass media, fa disinformazione, falsificazione, strumentalizzazione e cose del genere legate al trattare la storia e la realtà come più conviene.

Tutto meno che informazione.

Si tratta della puntata di Report andata in onda l’8 maggio (qui il link della puntata http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-819676cb-24b0-4f24-97ff-6f928f47e6cc.html). Read the rest of this entry »

il senso del dissenso

maggio 12th, 2016 by dumbles

NoTav7Cogliamo e codividiamo l’appello delle Mamme in piazza per la libertà di dissenso; per la libertà di quei ragazzi e ragazze imprigionati per aver manifestato contro il TAV.

Nella città di Torino, 28 ragazzi e ragazze sono, da alcuni mesi, sottoposti a misure cautelari preventive molto dure.
Non hanno rubato soldi pubblici, non hanno corrotto e non sono stati corrotti, non hanno cercato di trarre illeciti profitti personali, non hanno avvelenato l’aria con la polvere di amianto.
Hanno manifestato contro quel treno ad alta velocità Torino-Lione che saccheggia le risorse pubbliche per costruire un’opera utile solo ai suoi costruttori; hanno difeso le aule dell’università che frequentano dalla lugubre presenza di fascisti torinesi, estranei – tra l’altro – a quelle aule; hanno tentato di sfilare in corteo per ricordare che una città medaglia d’oro alla Resistenza non può assistere in silenzio alla presenza arrogante di un partito xenofobo e razzista; hanno tentato di difendere il diritto all’abitare di famiglie travolte dalla crisi.

Read the rest of this entry »

Culoso

maggio 11th, 2016 by dumbles

Antipatie25Quello del candidato Mario Turrini di una lista civica che sostiene la candiadata sindaco per la leganord è un bel manifesto culoso.

Il culo non è il suo, naturalmente, che siamo tutt* brav* con quello de* altr*.

Siamo animali sessuofili e simbolici, ha pensato lui; purtroppo non ancora in grado di elaborare culturalmente al meglio le opportunità evolutive della natura, e perciò tristemente sessist*, pensiamo noi.

D’altra parte che aspettarsi dal livello politico raggiunto?

Noi restiamo anarchicamente astensioniste.

A braccetto con l’Egitto

aprile 26th, 2016 by dumbles

noisiamoqui377

Oggi nella posta abbiamo trovato il testo che pubblichiamo qui sotto.

Leggetelo, è importante. Grazie alle femministe e lesbiche di Bologna che l’hanno scritto e anche a chi l’ha condiviso.

Amplifichiamo queste informazioni, in solidarietà con tutt* quell* che in Egitto combattono per la libertà.

La repressione brutale della dittatura del generale Al Sisi

Il popolo egiziano è sceso in piazza il 25 aprile per denunciare, non tanto la vendita di 2 isole strategiche all’Arabia Saudita ma soprattutto il brutale regime militare di Al Sisi. In vista della manifestazione del 25 Aprile al Cairo, il dittatore ha deciso di applicare delle retate massive per impedire alle egiziane ed egiziani di scendere in piazza. Ci sono stati più di 200 arresti negli ultimi giorni, le persone venivano prelevate dalle proprie case, mentre camminavano per strada o erano in un bar, di tanti non si sa dove li hanno portati. Sono stati torturati, avvelenati, violentate/i. Già durante la manifestazione del 15 Aprile, sono state arrestate 25 persone solo al Cairo, uno di loro è stato denudato per strada da sbirri in borghese e poi caricato su una camionetta e massacrato, altri hanno subito interrogatori coi servizi segreti e sono stati torturati. Purtroppo questi 25 arrestati sono ancora in carcere. Alcuni che sono stati arrestati prima della manifestazione sono stati rilasciati, con segni di tortura. Dopo il rilascio sono stati nuovamente arrestati, come nel caso di un ragazzo, che è stato ripreso mentre era in aeroporto e ora non si sa dove sia! Read the rest of this entry »

25 aprile

aprile 25th, 2016 by dumbles

Qui di seguito il volantio che abbiamo distribuito oggi a Udine.

Facciamo Resistenza!

Facciamola ricordando ed imparando da quell* che l’hanno già fatta.

Siamo al 25 aprile, e questo è doveroso, oggi, come ogni altro giorno.

A maggior ragione in ques’epoca in cui si mettono in atto le sceneggiate più grottesche (o foibesche…) [*] nel tentativo di riscrivere la storia dando un colpo di spugna alla Resistenza contro il fascismo, nel malcelato tentativo di favorire quest’ultimo.

Come se non fosse già sufficientemente tollerato, protetto, delle volte coccolato e favorito dalle così dette istituzioni democratiche che, vantando la loro nascita dalla Resistenza, si sentono legittimate a tradirla ad ogni piè sospinto.

Che delusione e che beffa. Read the rest of this entry »

Debora TAV e TRIV

marzo 28th, 2016 by dumbles

ecofemminismo19Non ci fa mancare nulla la governatrice Serracchiani per rendersi più indigesta possibile.

Della sua passione per il TAV ne abbiamo accennato diverse volte, dai tempi in cui il TAV era irrinunciabile a quelli odierni in cui è diventato “diversamente” fattibile ma sempre finanziariamente indispensabile. E detto questo abbiamo già capito tutto su chi fanno carico i costi e chi i benefici.

Poi la governatrice, per un po’ è stata anche una noTRIV. Questo lo hanno ricordato in molti facendo girare giorni addietro il tweet in cui si diceva contro le trivellazioni in adriatico. “Oggi”, scriveva il 21 gennaio 2012, “ ho partecipato alla manifestazione per la difesa del mare Adriatico dai rischi delle trivellazioni petrolifere”.

Oggi invece, che contro le trivellazioni è stato indetto un referendum, lei invita all’astensione perchè il referendum, dice, è inutile.

Maggiori dettagli qui; in ogni caso la giravolta si spiega facilmente con l’avanzamento di carriera, da rottamatrice a vicepresidente del Passito Democratico che inibisce anche il risultato del referendum del 2011 sull’acqua pubblica rendendo possibile la gestione del servizio idrico anche a società per azioni. Alla facciaccia della volontà popolare.

E così la nostra, dai pozzi petroliferi, ai pozzi artesiani, non finisce mai di essere rappresentante di interessi lobbistici.

A proposito di acqua, qui da noi, piace lo slogan “Debora Serracchiani giù le mani dai pozzi artesiani!” poiché governa una regione sempre più interessata a chiudere le fontane (o comunque a ridurne la portata) ed a spingere verso l’obbligo di acquedottizzazione.

Un pozzo di cupidigia.

Parla con lei

marzo 8th, 2016 by dumbles

violsess117Ogni volta che leggiamo di notizie come questa, in sintesi di donne picchiate che non denunciano chi le ha massacrate di botte, ci viene in mente la totale mancanza di socialità e di solidarietà della quale una persona vittima di qualcosa e di qualcuno dovrebbe essere circondata, ma il fallimento delle relazioni sociali ci sembra ancora più marcato quando il coro intorno preme e si scandalizza per la mancanza della denuncia ai carabinieri; per non parlare poi dello stesso intorno di persone che scelgono la delazione piuttosto che la relazione.
Un tempo, cinquant’anni fa nelle nostre famiglie queste cose accadevano tanto frequentemente quanto oggi; allora il coro intorno premeva per il silenzio e l’omertà perchè la denuncia pubblica da parte delle donne avrebbe portato alla sfascio della famiglia.
Oggi si preme per la denuncia a qualsiasi costo, indipendentemente da quello che sceglie di fare la diretta interessata.
Dal silenzio forzato alla delega securitaria che peraltro deve invocare pene sempre più lunghe altrimenti dopo un po’ sei punto e accapo.
C’è qualcosa che non va evidentemente.
La forza e la determinazione sono cose che crescono piano, ma crescono; si apprende ad essere forti e ad autodeterminarsi, a sapere quello che si vuole e si apprende anche a contrastare chi ci vuole impedire di essere ciò che vogliamo essere.
Questa è la migliore difesa ed autodifesa.
Ma questo si fa con relazioni sociali sensibili, con l’appoggio di persone che ragionano … con la cultura insomma.
Ma chi la fa la cultura? Nè i violenti, né i carabinieri ovviamente.

Incontro con Chiara Gazzola

marzo 1st, 2016 by dumbles

iniziative35Venerdì 4 marzo Chiara Gazzola sarà nostra graditissima ospite per raccontarci il suo libro: “Fra diagnosi e peccato – la discriminazione secolare ella psichiatria e nella religione”.
Un libro che è una puntura stimolante, che ti fa venire una salutare incazzatura nei confronti della psichiatria e della religione, questa vera associazione a delinquere contro soggetti non normabili che si è messa a punto ed affinata nel corso dei secoli in un occidente segregante, che peraltro ha visto nelle donne le sue vittime privilegiate.
La storia è lunga e Chiara la racconta nei suoi molti dettagli; da un cupo medioevo ad un oggi altrettanto terribile, in cui, psichiatri ed esorcisti, psicofarmaco ed acquasanta sono ancora imposti per scacciare il male ed il maligno che si insinua nei corpi anomali.
Ma gli strumenti e le manovre della segregazione, dell’esclusione, dell’annichilimento si smontano quando riesci a vederli; il libro di Chiara Gazzola è una buona lente di ingrandimento.

 

Rimandato a settembre

febbraio 21st, 2016 by dumbles

OGM-e-cose-che-fanno-specie16Dunque Fidenato è rimandato a settembre nel senso che sarà la Corte di giustizia dell’Unione europea a pronunciarsi sul procedimento aperto nei suoi confronti per aver seminato ogm in violazione del decreto 2013 emanato dal ministero della Salute.
La giudice del tribunale di Pordenone ha accolto la richiesta della difesa, rimarcando che appare necessario verificare se il divieto di coltivazione del mais geneticamente modificato, introdotto dal decreto di cui sopra sia conforme alla normativa europea.
L’imputato ne sarà contento.
Read the rest of this entry »

Giornate del ricordo

febbraio 14th, 2016 by dumbles

antifasisters57Il 10 febbraio era il giorno del ricordo, e, tanto per ricordare che è da sempre stata giornata di mistificazione storica e retorica nazional-fascista, si è pensato bene di censurare, negando la sala nella quale avrebbe dovuto tenersi, a Gorizia, un convegno storico di analisi, appunto, su come è nata, cosa rappresenta e cosa è quella giornata.
Qui l’approfondimento della vicenda, e qui la pagina di WuMing su quella giornata, sul contesto storico e sul maldestro e osceno tentativo di attualizzazione del direttore dell’Istituto Regionale per la Storia del Movimento di Liberazione del Friuli Venezia Giulia che definì codardi quei “giovanotti” che oggi se ne vanno dalla propria terra al primo ‘bau’, mentre gli istriani dell’esodo post bellico difendevano la patria.
Parole in libertà, sì, perfino da un direttore di istituto storico dedicato alla Resistenza che ricorda come vuole e quello che vuole, alla faccia del rigore storico che dovrebbe essere documento e non pessima interpretazione.
Il 19 febbraio sarà un’altro giorno del ricordo, quello delle stragi compiute dai fascisti italiani nel ’37 come rappresaglia per l’attentato contro il vicerè fascista Rodolfo Graziani. In quell’occasione furono massacrati 30.000 cittadini inermi nella sola capitale Addis Abeba.
L’aggressione coloniale fascista è costata alla popolazione etiope 760.300 vittime. Ce lo ricorda un post di Staffetta.
E sono cose da non dimenticare.